Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
70° anniversario per il Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Rimini

L’appuntamento si svolge in collaborazione con la Fondazione Provinciale del Collegio dei Geometri di Rimini e ha ricevuto il patrocinio del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, della Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza liberi professionisti, della Fondazione Geometri Italiani e della Fondazione Geometri e Geometri Laureati dell’Emilia Romagna. L’incontro è fissato in calendario per il prossimo 15 dicembre 2017, presso l'Auditorium San Patrignano di Coriano (Rimini)


"Tecnico libero professionista, tra presente e futuro: legalità, norme urbanistiche e rapporti con il committente" è il tema al centro del programma del convegno promosso dal Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Rimini. All’incontro parteciperanno i Presidenti nazionali, CNGeGL Maurizio Savoncelli e CIPAG Diego Buono, insieme agli esponenti istituzionali locali, per approfondire le tendenze di un mercato immobiliare che sempre più richiede le competenze congiunte del Geometra e del Legale relativamente a molti aspetti, come nel caso delle autocertificazioni, sia per quanto riguarda le lettere di incarico, sia in merito alla relazione Tecnica Integrata Urbanistico Catastale per le vendite immobiliari. Solo uno dei più recenti ambiti in cui è chiamato a confrontarsi recentemente il Geometra, consolidata figura tecnica di snodo in un’economia settoriale moderna che si fonda sulla multidisciplinarietà dei ruoli. Gran parte di ciò che diviene un’evoluzione, o un’occasione di confronto per la Categoria, passa per l’operato di un componente che riveste la fiducia dei suoi iscritti. A livello territoriale, è il caso del Presidente del Collegio, che insieme alla sua squadra, svolge un incarico volto a raggiungere sempre nuovi obiettivi.


In questa ricorrenza, cogliamo l’occasione per conoscere più da vicino Massimo Giorgetti, Presidente del Collegio Provinciale di Rimini.

Cosa vuol dire essere Geometra? Al di là della storicità, degli stereotipi sul fatto della radicazione sul territorio e nelle famiglie della figura del geometra, ritengo che essere geometra oggi, per natura ed attitudine, debba significare essere un professionista eticamente corretto, preparato, disponibile e pronto ad affrontare tutte le sfide che l’attualità lavorativa impone anche e soprattutto in sinergia con le altre figure professionali.


Quale relazione ha con i Colleghi? Ho instaurato un rapporto soddisfacente con i miei Colleghi, anche in relazione al fatto di riuscire a pormi sempre e comunque allo stesso livello ed in maniera propositiva.

E con gli iscritti? Sono rapporti che ritengo molto positivi, credo di essere sempre prima Massimo Giorgetti, poi il Presidente del Collegio. 

Il primo pensiero del mattino per un Presidente di Collegio? Sono Presidente del Collegio di Rimini da poco più di due anni e, pur essendo stato Consigliere prima e Tesoriere poi, devo ammettere che il ruolo di Presidente è davvero impegnativo. E’ difficile stabilire quale possa essere il primo tra i tanti pensieri che accompagnano la responsabilità del ruolo, che spazia dalla gestione del Collegio, ai rapporto con le istituzioni, ai problemi di bilancio e come migliorare i servizi agli iscritti.

L’ultimo la sera prima di chiudere la porta (del Collegio) Non ho mai fatto un ultimo pensiero, credo che il ruolo ti porta a non staccare mai la spina.

Una soddisfazione senza eguali? Senz’altro, più di ogni cosa, sono soddisfatto dell’apporto che ho dai miei Consiglieri, dai Colleghi attivi delle commissioni di lavoro e dalla Segreteria di Collegio. Non solo mi ‘sopportano’, ma mi sostengono appoggiando le mie iniziative e implementandole continuamente con ottimi risultati.

Cosa non rifarebbe? Al momento rifarei tutto quello ho fatto.

Chi è Massimo Giorgetti nella vita professionale e privata? Sono una persona molto attiva, nella vita professionale sono titolare di uno studio tecnico denominato “SKEMA Progetti”, dinamico e affiatato, nato una decina di anni fa, che si occupa prevalentemente di pratiche di edilizia in ambito residenziale, alberghiero e commerciale e gestione della sicurezza nei cantieri. Si tratta di un lavoro difficile ed impegnativo che mi appassiona e regala soddisfazioni; divido e condivido lo studio in sinergia con altri professionisti, in particolare due Ingegneri, due Architetti e due Avvocati. Nella vita privata sono sposato da 22 anni ed ho due bellissimi figli, rispettivamente di 16 e 20 anni, impegnati negli studi scolastici. Il tempo libero è davvero poco, e lo dedico al mio unico hobby: una società sportiva calcistica impegnata nella promozione dei valori sportivi e sociali.