Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Barriere architettoniche: pubblicato il decreto per i contributi ai lavori svolti dal 2003 al 2017

La proposta di riparto del Fondo speciale per l’eliminazione ed il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati porta la firma del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministro dell’Economia delle Finanze e del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali

È stato pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il Decreto interministeriale 67 del 27/02/2018, inerente il riparto del Fondo speciale per l’eliminazione ed il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati.

Il decreto entrerà in vigore fra 15 giorni dalla data di pubblicazione del 14/05/2018 e, come previsto dalla legge di Bilancio 2017, rifinanzia il Fondo previsto dalla legge 13 del 9 gennaio 1989,  “Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati”, un capitolo di spesa che non veniva aggiornato dal 2003.

La proposta di riparto porta le firme del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, con il Ministro dell’Economia delle Finanze, Pier Carlo Padoan, e il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti. Prevede l’assegnazione di 180 milioni di euro alle Regioni a copertura di  buona parte dei fabbisogni inevasi dal 2003 fino al 2017, per contribuire ai lavori svolti da privati per il  superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche. Tali fabbisogni erano stati segnalati dalle Regioni, che ne avevano ricevuto richiesta dai cittadini, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Le Regioni, che hanno dato parere positivo nel febbraio scorso, ripartiranno a loro volta i finanziamenti ricevuti ai Comuni richiedenti per contribuire alle spese dei privati cittadini.

Il decreto si colloca nel solco di una tematica particolarmente sentita dal Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati impegnato nel superamento delle barriere architettoniche relativamente agli aspetti di progettazione in un'ottica di inclusione, come testimonia l'avvio del Tavolo di lavoro UNI “Riprogettazione accessibile del costruito in ottica universal design”, che si è concluso con la pubblicazione della norma UNI PdR 24:2016.

Oltre al riparto è online anche il parere dell’Avvocatura Generale dello Stato, relativo alla eventuale spettanza agli eredi o al tutore che abbiano sostenuto le spese, del contributo economico per la realizzazione di opere finalizzate all’eliminazione delle barriere architettoniche nel caso in cui si verifichi il decesso del portatore di handicap.

QUI il Decreto interministeriale
QUI il Parere dell’Avvocatura Generale dello Stato