Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. La prosecuzione della navigazione comporta l'accettazione di tali cookies. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra Informativa Privacy

Ok
CNGeGL, le sfide del prossimo mandato
Completato l’iter di insediamento, il nuovo Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati è al lavoro sui temi di principale interesse per la Categoria e il Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli, con il consueto mailing periodico, torna ad approfondire i temi di interesse per la Categoria agli iscritti. Il suo intervento, in merito agli obiettivi dei futuri 5 anni, viene ospitato anche dal quotidiano economico – finanziario “Italia Oggi”


“Il nostro primo obiettivo è essere all’altezza di questo ruolo, tutelando e innovando abilità e conoscenze specifiche utili tanto al consolidamento della Categoria quanto allo sviluppo del Paese, e che vanno nella direzione della salvaguardia del territorio, della sostenibilità ambientale, della rigenerazione e riqualificazione urbana, dell’edilizia 4.0, della prevenzione del rischio, della salubrità degli ambienti indoor”.

Con questa sua affermazione, può essere introdotta la più ampia conversazione che il Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli ha voluto riavviare con gli iscritti (QUI la corrispondenza) e con la stampa (QUI l’intervista).


“La sfida più urgente - prosegue - è quella del lavoro. Garantiremo un’offerta formativa che consenta al geometra di aderire ai nuovi profili professionali disegnati dalla rivoluzione digitale basata sul BIM: CDE Manager, BIM Manager, BIM Coordinator, BIM Specialist. Continueremo a lavorare per elevare i livelli d’istruzione, riformando il percorso di accesso alla professione e agevolando l’ingresso delle nuove leve al mondo del lavoro con un bagaglio di conoscenze adeguate alle richieste della committenza”.


Infine, non manca da parte del Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli un’esortazione: “Concludo con un auspicio: che ciascun iscritto possa rendersi partecipe di questo agire promuovendo il dialogo tra la base e la dirigenza, favorendo il confronto costruttivo sul territorio e in ogni luogo deputato ad ospitare discussioni e decisioni, apportando idee e contributi metodologici, ponendo la propria esperienza al servizio dei colleghi e, più in generale, della collettività”.