Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. La prosecuzione della navigazione comporta l'accettazione di tali cookies. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra Informativa Privacy

Ok
I Geometri di Catanzaro protagonisti della transizione ecologica
Completata la formazione che certifica la competenza dei primi 30 geometri alla verifica e agli interventi di risanamento dal radon dagli edifici pubblici e privati. Un’iniziativa promossa dal Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Catanzaro, in collaborazione con il dipartimento ARPACAL (Agenzia Regionale Protezione Ambientale Calabria)



I Geometri di Catanzaro consolidano il loro ruolo di primo piano nel tessuto economico e sociale territoriale. Concluso il corso di formazione dell’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Calabria che li ha abilitati alla verifica e agli interventi di risanamento dal radon di edifici pubblici e privati, proporranno di monitorare in forma gratuita almeno due edifici pubblici della provincia. Lo dichiara il presidente del Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Catanzaro Nando Chillà, commentando l’esperienza condotta per la crescita professionale dei propri iscritti. 

“Una prima parte della formazione era stata già avviata lo scorso anno e aveva posizionato i nostri tecnici tra i primi ad essere autorizzati alla certificazione del radon presente negli edifici. Ora l’aggiornamento svolto ci ha permesso di diventare tecnici specializzati per il monitoraggio e la bonifica. Un traguardo importante - spiega - reso possibile dalla rete virtuosa che coniuga le nostre prerogative professionali con quelle degli esperti del dipartimento ARPACAL di Catanzaro, dotata del più importante laboratorio del meridione in cui viene svolta la ricerca scientifica sul radon. La salubrità degli edifici ha una ricaduta diretta sulla popolazione e un continuo processo di monitoraggio, articolato con l’elaborazione di dati e risultati, concorrerebbe indubbiamente allo studio e, soprattutto, alla prevenzione della salute pubblica. Ecco la motivazione - conclude il presidente dei geometri - che ci spinge nel suggerire di avviare questo campionamento gratuito in due edifici pubblici, certi che una corretta interpretazione della transizione ecologica da parte nostra significhi abbinare anche un impegno sociale alle proprie capacità consulenziali”.

QUI per approfondire