Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Il ruolo centrale del mediatore civile nelle controversie

“Tra i due litiganti … il terzo media” è il titolo della puntata odierna del contenitore televisivo di RAI3 “FuoriTG”, che si occupa della mediazione. Ai microfoni della giornalista Francesca Altieri, gli esperti Luca Chiesi e Fabrizio Angelilli del Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Roma


Le liti si possono risolvere bonariamente? Non è affatto un quesito secondario se analizziamo un dato: nell’ultimo anno, sono state oltre 1 milione le nuove liti depositate nei Palazzi di Giustizia. E’ altrettanto chiara la necessità di individuare esperti qualificati che, oltre a un costante aggiornamento tecnico professionale, abbiano una formazione e una preparazione di base in linea con le esigenze del pubblico committente: famiglie, condomini, imprese, istituti bancari, pubbliche amministrazioni.


La possibile soluzione è contenuta in una legge di conversione (98/2013) di un decreto legge (69/2013, cosiddetto “decreto del fare”) che introduce la mediazione civile come primo step obbligatorio per alcune materie che altrimenti finirebbero in Tribunale. Fra queste, le innumerevoli problematiche che possono generarsi in un condominio. E a dirimere tali vicende a volte davvero inestricabili troviamo prevalentemente i Geometri liberi professionisti, come Luca Chiesi e Fabrizio Agelilli del Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Roma, entrambi intervistati per far comprendere al pubblico a casa quanto la mediazione riesca davvero a essere risolutiva, quanto tale scelta possa realmente ‘sgombrare’ le aule dei Tribunale diminuendo i costi generali che ricadono sulla società civile e, soprattutto, quanto sia la scelta ideale per le piccole e grandi difficoltà quotidiane e non solo. Il focus preparato dalla trasmissione televisiva, infatti, non assegna alla mediazione il compito esclusivo di occuparsi delle liti condominiali, ma pone in evidenza come tale intervento possa essere particolarmente funzionale e ne vada diffusa sempre la conoscenza nel nostro Paese.

Un esempio lampante è illustrato proprio da Luca Chiesi che commenta uno ‘storico’ caso di Harvard, che vede una nonna alle prese con i capricci di due sue nipotine, in disputa per l’unica arancia a disposizione. Ascoltare dalla viva voce dell’intervistato sarà molto interessante!

QUI la puntata di Fuori TG di RAI3