Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. La prosecuzione della navigazione comporta l'accettazione di tali cookies. Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra Informativa Privacy

Ok
Superbonus 110%, decisivo intervento di Rete delle Professioni Tecniche
L’associazione che rappresenta in Italia i professionisti tecnici di nove Ordini e Collegi ha scongiurato il rischio per i proprietari immobiliari di non poter usufruire del Superbonus 110% fino al 31 dicembre 2022




Grazie al parere espresso dalla Rete Professioni Tecniche, un testo discusso ed approvato il 5 settembre 2022 nell’ambito dei lavori della Commissione di monitoraggio istituita presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, e al termine degli incontri in cui sono stati affrontati gli aspetti normativi, i criteri cui riferirsi e le relative applicazioni, è stata esaminata e accolta la proposta che permette di comprendere i lavori non agevolati dai bonus edilizi nel computo del 30% delle opere realizzate alla data del 30 settembre 2022, assicurando la possibilità di usufruire del Superbonus 110% fino al 31 dicembre 2022.

Circa il tema delle modalità di dimostrazione del raggiungimento del limite del 30%, la Commissione - in mancanza di un esplicito e cogente obbligo - ha convenuto che sia sufficiente la redazione da parte del Direttore dei lavori di una dichiarazione in tal senso, basata sulla documentazione probatoria (ad es. libretto misure, SAL, fotografie, bolle o fatture etc.) da tenere a disposizione di un’eventuale richiesta degli organi di controllo e da allegare ai documenti da produrre in sede di invio della documentazione finale. 

Inoltre, si è ritenuto opportuno che tale dichiarazione, a tutela delle parti interessate, sia inviata al Direttore dei lavori, al Committente e all’Impresa, affinché siano messi a conoscenza del raggiungimento della percentuale di lavori ottenuta, soprattutto allo scopo della possibilità di godere degli incentivi fiscali e quindi di proseguire i lavori utilizzandoli.

L’accoglimento nella sostanza del contributo proposto dalla Rete Professioni Tecniche – afferma Armando Zambrano, coordinatore di RPT – rappresenta un importante riconoscimento per il costante ed intenso lavoro propositivo dei rappresentanti della Rete all’interno della Commissione di monitoraggio presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. A questo proposito, mi corre l’obbligo di ringraziare il Presidente del Consiglio Superiore Massimo Sessa, sempre attento alle esigenze del mondo professionale e delle imprese, nonché i componenti della stessa Commissione che si sta riunendo con regolarità fornendo sempre pareri frutto di un alto livello di competenza”. 


QUI il comunicato stampa RPT