Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici (propri o di altri siti) che non raccolgono dati di profilazione durante la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui

Ok
Un’offerta formativa orientata al lavoro deve abilitare alla professione

In seguito alla firma del Decreto n.935 della Ministra del MIUR Valeria Fedeli sulle lauree professionalizzanti, in una intervista pubblicata nell’edizione odierna del quotidiano economico finanziario Italia Oggi il Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Maurizio Savoncelli illustra i punti di forza e i punti di debolezza del testo e la posizione della Categoria


Lo scorso 29 novembre la Ministra Valeria Fedeli ha firmato il decreto che, a partire dall’anno accademico 2018/2019, istituisce le lauree professionalizzanti. I nuovi percorsi sono stati definiti da un'apposita cabina di regia, sulla base di quelli già individuati in passato dall’allora Responsabile del dicastero Stefania Giannini, e sono caratterizzati da un'offerta formativa fortemente orientata al lavoro, per permettere agli studenti di conseguire una rapida qualificazione professionale.

Ogni ateneo potrà attivare i corsi in autonomia, in stretta collaborazione con gli ordini e i collegi professionali che operano sul territorio. In tal modo si faciliterà la nascita di un sistema strutturato di sinergie che potrà coinvolgere anche le imprese. Obiettivo finale è quello di creare un modello didattico-formativo che leghi, in maniera proficua, il mondo scolastico e universitario con quello delle professioni.

“La categoria dei geometri – ha dichiarato il Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli – ha fornito contributi importanti alla discussione, condividendo con gli interlocutori parlamentari dei vari schieramenti i presupposti innovativi della riforma del percorso di accesso alla professione. Tali contenuti erano già stati tradotti in una proposta di legge finalizzata all'istituzione di un percorso universitario abilitante e molti degli aspetti qualificanti del nostro progetto sono stati ripresi nel documento d’indirizzo per la formazione terziaria elaborato dalla ‘Cabina di regia nazionale per il coordinamento del sistema di istruzione tecnica superiore e delle lauree professionalizzanti’. Tali contenuti sono ora ravvisabili soprattutto nei passaggi in cui si auspica di rendere pienamente operativo il sistema delle lauree professionalizzanti, comprensive dell'abilitazione alla professione».

QUI l’intervista completa al Presidente CNGeGL Maurizio Savoncelli su Italia Oggi